Teatro Caverna

Associazione culturale // La cultura è il nostro ossigeno, ABoccAperta respiriamo: ricerca artistica teatrale - arti visive - letteratura - musica - cinematografia
In scena

25 novembre | Teatro Auditorium Loreto

Grand Hotel

Durante la seconda guerra mondiale, in un prestigioso Grand Hotel tra le Alpi precedentemente frequentato da facoltosi turisti, arrivano le SS tedesche e i soldati della Repubblica di Salò. L’albergo diviene così un centro di detenzione dove si torturano e condannano nemici politici, partigiani o comuni cittadini; un luogo da cui si origina ed espande per tutto il circondario un clima di paura e terrore. La storia è parzialmente ispirata a fatti realmente accaduti, la maggior parte dei testi sono tratti dagli atti dei processi contro i nazi-fascisti e dalle testimonianze dei sopravvissuti.


Lo spettacolo alterna ambientazioni sonore e luminose contrastanti che ricreano le diverse atmosfere di riferimento. Da un lato un albergo di lusso, accogliente ed efficiente, cordiale e luminoso; dall’altro il buio e la sensazione di indicibilità di quanto vissuto da chi la violenza e la perversione del nazi-fascismo l’ha vissuta sulla propria pelle; affrontando sempre questo secondo ambito con delicatezza e rispetto.

Lo spettacolo ha debuttato durante i Rencontres du Jeune Théâre Européen di Grenoble, il 6 luglio 2017 ottenendo  apprezzamenti sia dal pubblico in sala che dagli operatori teatrali degli altri gruppi presenti al festival.

Regia: Damiano Grasselli
Attori: Yuri Carminati, Noemi Cremaschi, Helio Gomes, Viviana Magoni, Stefania Pelliccioli